E-commerce sostenibile: 5 regole per ridurre l’impatto ambientale

Mar 28, 22

E-commerce sostenibile: 5 regole per ridurre l’impatto ambientale

L’e-commerce ha rapidamente scalato posizioni nelle preferenze dei consumatori, allargando sempre di più la propria platea di clienti abituali, soprattutto durante la pandemia.

Per questo motivo, è diventato importantissimo interrogarsi sulla sostenibilità di questa opzione, evidenziandone eventuali criticità e cercando soluzioni innovative per impattare il meno possibile sull’ambiente.

Ma quali sono i fattori potenzialmente critici relativi allo shopping online?

Possono essere molteplici, a partire dalle consegne mancate all’eccessivo spreco di materiale da imballaggio. Ogni consegna non andata a buon fine, infatti, comporta emissioni extra di CO2, mentre gli imballaggi superflui o quelli realizzati con materiali inquinanti, contribuiscono non solo ad ulteriore carico da trasportare, ma anche alla produzione di un maggior numero di rifiuti, potenzialmente difficili o impossibili da riciclare.

Quali regole dovrebbero seguire le aziende per ridurre l’impatto ambientale del proprio e-commerce?

1) Ridurre il numero di tentativi di consegna.

In Europa, il settore dei trasporti è responsabile del 30% delle emissioni totali di CO2, di cui il 72% viene prodotto esclusivamente dal trasporto stradale (Fonte: Parlamento Europeo). Uno dei modi più efficaci e ovvi per limitare le emissioni di CO2 è quindi ridurre il numero di tentativi di consegna dei prodotti. Meno sono le corse che un furgone dovrà fare per consegnare un pacco, più basse saranno le sue emissioni.

Dando la possibilità ai consumatori di scegliere dove e quando ricevere un pacco, i rivenditori hanno più probabilità che venga consegnato al primo tentativo. 

In questo modo si farà del bene non solo all’ambiente, ma anche ai lavoratori incaricati alla consegna.

2) Sfruttare il più possibile le opzioni di consegna ecologiche.

Oggi è possibile scegliere modalità di consegna meno impattanti sull’ambiente, per esempio quelle effettuate utilizzando mezzi di trasporto elettrici o ad emissioni zero, come la bicicletta o scooter elettrici nel caso di brevi distanze.

Quando non è possibile utilizzare questi mezzi, le aziende possono compensare le emissioni di CO2 generate supportando progetti di riforestazione o investendo in fonti di energia rinnovabile.

3) Ridurre al minimo la quantità di materiale utilizzato nell’imballaggio (packaging). Più piccolo e leggero è meglio!

Ci sono aziende che utilizzano enormi scatole per pochi e piccoli prodotti. 

Oltre al fatto che si tratta di uno spreco inutile di plastica e/o cartone, questo metodo di imballaggio risulta estremamente inefficiente anche dal punto di vista dello spazio, riducendo di fatto il numero di pacchi trasportabili in un’unica corsa.

4) Scegliere materiali di imballaggio sostenibili.

Il materiale d’imballaggio utilizzato per proteggere e trasportare i prodotti dovrebbe essere completamente riciclabile e/o biodegradabile – si pensi alle scatole, ai sacchetti per la spedizione e al materiale di riempimento.

È quindi importante che le aziende si assicurino che l’imballaggio possa essere riutilizzato più volte dopo l’acquisto, anche nel caso di restituzione dell’articolo comprato.

5) Cercare di ridurre il numero di resi.

Potrebbe risultare ovvio, ma ridurre il numero di resi contribuisce a limitare le emissioni di CO2 di ogni ordine. Ogni spedizione di reso causa infatti un trasporto extra, furgoni extra, carburante extra e quindi anche extra CO2. Fornire descrizioni chiare dei prodotti e foto ad alta risoluzione in modo che i consumatori abbiano un’idea chiara e precisa di ciò che stanno acquistando, riduce notevolmente le probabilità di restituzione dell’articolo, facendo un favore all’ambiente. 

Tenendo in considerazione queste regole, i rivenditori possono contribuire in modo significativo alla costruzione di un sistema di acquisto sostenibile.

Noi di Green Vibes a che punto siamo?

Stiamo sviluppando delle soluzioni logistiche che permettano la consegna programmata per tutte le consegne: attualmente questa opzione è garantita sull’intera città di Milano

Dove non arrivano le soluzioni sostenibili, abbiamo deciso di compensare le nostre emissioni di gas serra finanziando progetti dedicati alla produzione di energia rinnovabile. Lo facciamo affidandoci a Gold Standard, un programma internazionale che si occupa di valutare l'affidabilità dei progetti di riduzione delle emissioni. Per ogni Love Box acquistata, infatti, compensiamo 100kg di CO2, pari a più di un iPhone 12 (emissioni CO2 calcolate con LCA su iPhone 12 64GB, dalla fase di produzione al disassemblaggio a fine vita).

Attraverso questo programma, sosteniamo un progetto dedicato alle donne indiane, per dare loro la possibilità di cucinare in modo sicuro e sostenibile per l'ambiente attraverso l’uso del biogas, riscattando al tempo stesso la propria salute e indipendenza sociale ed economica.

Oltre a compensare le emissioni causate dalle spedizioni, abbiamo implementato dei servizi di consegna più sostenibili per l’ambiente: per tutti gli ordini su Milano, garantiamo la consegna attraverso mezzi sostenibili, come cargo-bike, bici e scooter elettrici, e senza l'utilizzo di packaging ingombranti, grazie alla nostra collaborazione con Blink Last Mile. Come citato inizialmente, per questi ordini, è possibile ricevere la consegna in giornata, scegliendo l’orario personalmente. Stiamo già lavorando per attivare questa modalità più sostenibile di consegna anche in altre città italiane. 

Infine, la nostra policy riguardo ai resi prevede il ritiro della merce nel caso fosse stata consegnata danneggiata o difettosa, richiedendo foto e/o video del pacco e della merce e descrizioni del malfunzionamento, per verificarne attentamente le condizioni e valutare modalità di intervento meno impattanti. Non appena riceviamo la merce ritirata, il nostro team si occupa del controllo qualità e viene spedito un nuovo prodotto a scelta dell’acquirente o, in alternativa, un coupon o un rimborso (soluzione più sostenibile, se preferita dal cliente). Le descrizioni dei prodotti sul nostro sito mirano a garantire la massima trasparenza e chiarezza su funzioni, utilizzo, sostenibilità, proprio per ridurre al minimo la possibilità che venga richiesto un reso per informazioni poco chiare alla fonte.

E tu? Quali sono gli aspetti a cui fai attenzione quando scegli di acquistare prodotti online? Ti interroghi sulla sostenibilità degli e-commerce a cui affidi i tuoi acquisti?

 

Sempre sul tema, leggi anche Che cosa si intende per prodotto sostenibile?

 

Questo articolo è stato scritto da Greta Volpi, divulgatrice sul tema della sostenibilità e dell'inclusione, ed esperta di marketing e comunicazione.