Guida alla scelta e all’uso consapevole dei sex toys in gravidanza

Sep 21, 22

Guida alla scelta e all’uso consapevole dei sex toys in gravidanza

La sessualità in gravidanza è un argomento che fatica ancora a essere trattato, divulgato e, soprattutto, vissuto apertamente e con tranquillità. 

La fase di attesa che precede la nascita di una nuova vita è molto particolare e ricca di emozioni per ogni persona e, ancora oggi, si tende a immaginare chi sperimenta la gravidanza come una creatura pura e angelica, che vive in uno stato di desiderio sessuale assente o sopito. Questa credenza diffusa rende poco opportuni tutti i pensieri erotici di chi vive l'attesa. In realtà, se la gravidanza è fisiologica e i futuri genitori lo desiderano, non solo non è proibito vivere appieno la sessualità, ma anzi è consigliato

Quali sono i vantaggi della sessualità in gravidanza?

I benefici di una sana sessualità durante la gravidanza sono molteplici, sia fisici che psicologici. Secondo le linee guida sulla gravidanza fisiologica del Ministero della Salute¹, infatti, avere uno, due o più rapporti sessuali durante la settimana è associato a una minore incidenza di parti pretermine. Inoltre, l’attività sessuale ha anche la funzione di mantenere attiva la muscolatura del pavimento pelvico e prepararla quindi al parto. Ovviamente anche lə nasciturə nell’utero percepisce il clima di benessere che avvolge la madre: non vi sono quindi effetti negativi sulla salute fetale, ma solo potenziali benefici.

Masturbazione in gravidanza

Tuttavia, se durante la gravidanza viene poco toccata la sfera dei rapporti sessuali della coppia, ancora meno si parla di autoerotismo: un vero e proprio tabù!  Questa pratica ha, in realtà, un ruolo davvero importante:

  • permette di scoprire ed ascoltare i cambiamenti più intimi del corpo nel corso dei nove mesi;
  • la sessualità, che sia sperimentata in solitudine o in coppia, permette di godere dei benefici donati dagli ormoni (endorfine e ossitocina, per esempio) che permettono di sentirsi più rilassatə, appagatə e in confidenza con il proprio corpo.

Un capitolo che, se possibile, è ancora più sconosciuto e tabù della masturbazione in gravidanza è quello dell’utilizzo dei sex toys durante la gravidanza

Sentire il proprio desiderio e avere voglia di sperimentare sensazioni nuove è più che legittimo, anche quando si aspetta unə figliə! Spesso, però, l’utilizzo di questi prodotti è ancora ostacolato da pregiudizi e vecchi retaggi culturali che creano confusione e paure, per cui non si sa bene da che parte cominciare e a cosa fare attenzione. Proviamo quindi a dissipare alcuni dubbi sull’uso dei sex toys in gravidanza per riuscire a vivere serenamente questo aspetto importante della salute sessuale.

Come scelgo il sex toy più adatto alla gravidanza?

Come è ormai risaputo, la gravidanza non è una malattia (a meno che non si tratti di una “gravidanza a rischio”) ed è quindi fondamentale sentirsi liberə di assecondare il proprio corpo e desiderio. I sex toys sono oggetti tendenzialmente sempre compatibili con lo stato di gravidanza e andrebbero evitati solamente in alcuni casi specifici come: 

  • infezione urogenitale, 
  • minaccia d’aborto o di parto pretermine, 
  • contrazioni precoci, 
  • perdite ematiche.

In questi casi, infatti, è utile confrontarsi con lə professionistə che seguono la gravidanza (ostetricə o ginecologə). Escludendo quindi queste situazioni specifiche in cui si potrebbe ricevere il consiglio di astenersi dall’utilizzo, si può liberamente provare a utilizzare sex toys insieme al lubrificante. 

La scelta dei sex toys e lubrificanti più giusti per sé si può basare su diversi fattori:

  • La praticità, ovvero prodotti facili da usare e poco ingombranti come per esempio vibratori bullet o vibratori da dito, molto semplici da maneggiare anche durante lo stato più avanzato della gravidanza.
  • L’area di utilizzo, favorendo quei sex toys che stimolano il clitoride e l’ingresso vaginale ed evitano una stimolazione più profonda, come ad esempio i vibratori clitoridei o gli stimolatori ad aria.
  • I materiali, che devono essere certificati come sicuri per il corpo (e, nei limiti del possibile, più sostenibili per l’ambiente!) e quindi, per esempio, in silicone medicale. Meglio evitare materiali plastici come il PVC o simili.
  • L’INCI dei prodotti cosmetici per il corpo che non dovrebbe alterare il pH e la flora batterica vaginale. È consigliato scegliere lubrificanti a base d’acqua (compatibili con i sex toys in silicone) che siano composti prevalentemente da ingredienti naturali.

Scopri Clori, Rea e Ilizia, le nostre Love Box dedicate alla sessualità in gravidanza!

Bisogna ascoltare il proprio corpo e le proprie emozioni

Oltre a un’accurata scelta del prodotto, è importante focalizzarsi sempre sui propri bisogni e sui segnali che ci lancia il nostro corpo: il piacere e le modalità per raggiungerlo, durante i nove mesi, possono risultare diversi dal solito e in costante mutamento proprio a causa dei cambiamenti psicofisici tipici di questa fase della vita. Non bisogna demoralizzarsi se si percepiscono sensazioni differenti o se non ci si riconosce dal punto di vista della sfera sessuale, anzi, queste modifiche nel proprio sentire possono essere uno stimolo per conoscersi più a fondo, per ricercare nuovi modi per raggiungere l’orgasmo e per giocare con nuove alternative.

La gravidanza può essere un momento ricettivo per vivere la sfera sessuale con ancora più fantasia, sfruttando proprio le fluttuazioni ormonali e scoprendo nuove sfumature mai esplorate, sia in coppia che da solə. È importante farlo sempre in sicurezza, e nel rispetto del proprio sentire e delle proprie esigenze.

Confrontarsi con l’ostetricə di fiducia su queste tematiche può fornire utili spunti di riflessione, oltre che essere uno spazio di condivisione e informazione sicura: non dimentichiamo che la salute sessuale fa parte della salute globale della persona!

 

L’autrice dell’articolo è la dott.ssa Beatrice Danzi, ostetrica esperta in riabilitazione pelviperineale femminile. È una libera professionista che riceve a Cremona.

 

¹ Linee Guida “Gravidanza fisiologica. Aggiornamento 2021”, Ministero della Salute, 2021, pag. 75.